La politica finanziaria dello stato

La politica finanziaria dello stato, di regola,è finalizzato alla costruzione di un meccanismo finanziario che consenta di raggiungere con la massima efficienza il raggiungimento di obiettivi tattici e strategici, che sono indicati nel programma di sviluppo a lungo termine del Paese in futuro. La politica finanziaria dello stato coinvolge tutte le componenti: bilancio, imposte, dogane, valuta e politica monetaria.

La politica finanziaria dello stato èuna serie di azioni mirate volte a stabilire gli obiettivi, nonché a identificare i mezzi per raggiungerli. Quindi, è una politica dello stato economico che si manifesta nell'uso di risorse statali finanziarie, nonché nella regolamentazione fiscale, nella regolamentazione dei costi e delle entrate, nell'influenzare il tasso di cambio nazionale, nell'esecuzione e nella formazione del bilancio statale, nella gestione della circolazione monetaria.
L'argomento principale della politica -Stato. Sono loro che portano avanti lo sviluppo di concetti scientificamente fondati di sviluppo finanziario; le principali direzioni della loro applicazione sono determinate; le misure sono progettate per raggiungere obiettivi specifici.

La politica finanziaria dello stato nella sua essenza -questi sono orientamenti strategici che determinano le prospettive a medio e lungo termine dell'utilizzo della finanza e forniscono la soluzione dei principali compiti che derivano dalle caratteristiche della sfera sociale e dell'economia del paese. Insieme a questo stato, vengono svolti i compiti e gli obiettivi attuali dell'applicazione delle relazioni finanziarie. Tutte le attività di cui sopra sono interdipendenti e strettamente correlate.

La politica finanziaria dello stato è parte integrantepolitica economica. La strategia finanziaria è una politica finanziaria a lungo termine dello stato, progettata per una prospettiva a lungo termine, che prevede la soluzione di compiti su larga scala. Pertanto, le misure finanziarie e le decisioni volte a conseguire risultati nell'arco di 12 mesi sono considerate una politica a lungo termine.


La tattica finanziaria è la soluzione dei problemi alun certo stadio di sviluppo con l'aiuto di un tempestivo raggruppamento di vincoli finanziari. I principi per la formazione di politiche a lungo termine ea breve termine sono interdipendenti. Le decisioni finanziarie a breve termine devono necessariamente essere correlate agli obiettivi a lungo termine e contribuire al loro raggiungimento. Questa correlazione è strettamente connessa con la strategia e le tattiche nella politica finanziaria dello stato nel suo insieme. Le decisioni strategiche e la politica finanziaria a lungo termine dello stato sono legate agli investimenti, pertanto i processi di investimento vengono analizzati per il loro sviluppo.

Il mercato finanziario è auna struttura istituzionale organizzata per la creazione di attività finanziarie per il loro successivo scambio. Nel mercato finanziario c'è una mobilizzazione del capitale, i prestiti sono forniti e si effettuano transazioni monetarie di scambio. Le attività del mercato finanziario nazionale sono regolate dalla Banca centrale del paese. I mercati finanziari internazionali hanno determinate aree in cui la loro attività è concentrata. Di norma, si tratta di centri finanziari internazionali, in cui viene svolta la maggior parte delle transazioni finanziarie internazionali. Se si elencano i mercati finanziari mondiali su scala decrescente, l'elenco sarà diretto da Londra e Singapore lo completerà. I mercati finanziari internazionali sono una serie di mercati finanziari nazionali. Le attività dei mercati finanziari internazionali sono regolate da una varietà di istituzioni internazionali e accordi internazionali.