Tasso di crescita

Analisi dell'intensità dei cambiamenti nella dinamicaViene effettuato mediante gli indicatori che consentono di effettuare il confronto di livello. Questi includono i seguenti: il tasso di crescita, il valore assoluto della percentuale di crescita, l'aumento assoluto. I valori medi sono usati per generalizzare la dinamica del fenomeno. Gli indicatori per l'analisi della dinamica del fenomeno possono essere determinati da basi variabili o da una base di confronto costante. Un livello comparabile viene solitamente chiamato livello di reporting e il livello con cui viene effettuato un confronto è chiamato livello di base.

Il tasso di crescita mostra il numero di percentoL'indicatore successivo della serie è in confronto con il precedente o con il livello iniziale. In altre parole, il tasso di crescita è inteso come la crescita di qualsiasi valore economico per un certo periodo, di norma, per un anno.

La formula di calcolo è la seguente: Tp = yn / yn-1. Questo indicatore può essere espresso in percentuale o in un fattore. Per ottenere i dati in percentuale, il risultato deve essere moltiplicato per il 100%. Il tasso di crescita può essere espresso solo da un numero positivo.

Tassi di crescita della catena e basetassi di crescita Come già notato, per valutare gli indicatori di dinamica rispetto ad una base permanente, ogni livello deve essere confrontato con una base invariata. Come livello di base, può essere utilizzato l'indicatore iniziale nella serie di dinamiche selezionate o il livello al quale ha avuto inizio lo stadio di sviluppo del fenomeno in esame. Gli indicatori, calcolati in questo modo, sono chiamati base. Quando si calcola la base variabile, il livello successivo della serie di dinamiche deve essere confrontato con il precedente. Questi indicatori sono a catena. Tra i tassi di crescita di base e i tassi di crescita della catena c'è una relazione. Se moltiplichiamo tutti i successivi valori di catena dei tassi di crescita, allora il prodotto sarà uguale al coefficiente di base per l'intero periodo analizzato. Inoltre, quando si divide il fattore di base successivo per il numero privato precedente sarà uguale al coefficiente corrispondente dell'indice di catena.

Il tasso di crescita economica

In tutto il mondo, la crescita economica è accompagnata dacambiamenti qualitativi e quantitativi nella società, tra cui la più importante è la trasformazione strutturale. Per i paesi che hanno già intrapreso la strada dello sviluppo economico intenso, in primo luogo, l'industrializzazione è tipica, la quota del settore agricolo nel PIL sta diminuendo, il livello di istruzione è in aumento, l'analfabetismo si riduce, l'aspettativa di vita è in aumento.

Il tasso di crescita economica è influenzato datipo di crescita economica. Nel processo di transizione verso un tipo intensivo, i tassi di crescita possono diminuire rispetto a quelli estesi. Ma questo non significa rallentare lo sviluppo economico o il suo declino. Con il tipo esteso, l'economia ha mantenuto una caratteristica strutturale, le proporzioni, sviluppate in ampiezza. Con un tipo intensivo, l'economia si sviluppa non solo attraverso l'espansione della produzione, ma anche a causa di una progressiva riorganizzazione strutturale. La soluzione di questo problema diventa la ragione per cui è sempre più difficile aumentare il ritmo. Inoltre, con un mercato saturo, non è sempre opportuno aumentare il tasso di crescita. In questo caso, lo sviluppo è fornito dal miglioramento della tecnologia, che è inevitabile. La produzione sta diventando obsoleta, nuove tecnologie e nuove risorse stanno emergendo con un nuovo livello di qualità ed efficienza.

Crescita economica in Russia

Secondo il Ministero dello Sviluppo Economico, a novembre questoanno la crescita del PIL rispetto a novembre dello scorso anno è rallentata all'1,9%. A ottobre, il tasso di crescita dell'economia era del 2,3%, e in settembre del 2,7%. Nel confronto annuale, il ritmo è in calo da sei mesi.

Nel periodo da gennaio a novembre, il tasso di crescita dell'economia del paese ha raggiunto il 3,5%. Per la prima metà dell'anno l'indicatore era del 4,5%.